2 maggio 2015: già un anno passato dalla nostra partenza per il Canada, fra tristezza e malinconia

Come oggi, un anno fa, il 02 maggio 2014, io e Claudio ci trovavamo in viaggio sull’autostrada diretti a Roma Fiumicino, dove ci attendeva l’aereo dell’Air Transat diretto a Montréal. Il nostro primo volo oltre oceano, la nostra prima esperienza all’esterno, la nostra prima vita insieme. Un viaggio indimenticabile durato purtroppo solo 4 mesi, un viaggio deciso all’ultimo minuto e vissuto con tanto amore, un viaggio lontano da tutti, un viaggio per staccare dalla vita attuale, fatta solo di crisi e disoccupazione. Un viaggio lontano dallo stress, in un posto dove tutto è magico e libero, un posto meraviglioso, dove le persone stanno bene e vivono la vita, lavorano, vengono stipendiati come si deve, si divertono, comprano e non si fanno problemi di nessun tipo. Non appena atterrati ci siamo sentiti a casa, la nostra seconda casa. E pensare che è già passato un anno da quella partenza mi rattrista, mi rattrista pensare che sono di nuovo in Italia e la situazione è sempre la stessa, niente è cambiato, ogni giorno devo sentire al telegiornale sempre le solite cose, quei buffoni di politici che litigano fra di loro, le tragedie mondiali, persone che si suicidano perché non riescono a mantenere la famiglia, uomini “mostri” che picchiano e uccidono la propria moglie davanti ai figli, ubriachi che investono un innocente sulla strada e poi scappano,vandali vigliacchi che distruggono le strade di Milano e la polizia non riesce a fermarli, immigrati che muoiono nel mare e altri che sbarcano sulle nostre coste per scappare da una guerra senza fine e vengono qui e prendono 30 euro al giorno, quando c’è l’italiano senza lavoro che gli tocca andare a cercare gli avanzi di cibo offerti dai centri di aiuti. Ogni santo giorno durante il pranzo o la cena, non si parla di cose belle, non si ride ne si scherza, si parla solo di cose brutte, di tristezza e di stress, perché è questo che la giustizia italiana ha da offrirci, un bel niente!!!

Il Canada ci ha cambiato molto, ci ha mostrato la felicità, ci ha mostrato la vita, ci ha fatto conoscere persone meravigliose, ma purtroppo qualcosa dentro di noi è già svanito con esso.

20150501_104924
Fonte foto Cisalfa sport, valigie Eastpak

Like today, a year ago, May 2, 2014, Claudio and I we were traveling on the highway to Rome Fiumicino, where we waited for the plane to Montreal Air Transat direct. Our first international flight, our first experience outside, our first life together. An unforgettable journey lasted unfortunately only four months, a trip at the last minute decided and lived with so much love, a journey far from all, a trip to get away from modern life, made only of crisis and unemployment. A trip away from the stress, in a place where everything is magical and free, a wonderful place, where people are comfortable and living the life, work, are salaried as they should, they have fun, they buy and they have no problem of any kind . As soon as we landed we felt at home, our second home. And to think that’s already been a year since his departure saddens me, saddens me to think that I’m back in Italy and the situation is still the same, nothing has changed, every day I have heard on the news the same old things, those fools of politicians quarreling among themselves, the world’s tragedies, people who commit suicide because they can not support their families, men “monsters” who beat and killed his wife in front of their children, investing an innocent drunks on the road and then run away, vandals cowards destroying the streets of Milan and the police can not stop them, immigrants who die in the sea and others who land on our shores to escape from a war without end and they come here and they take 30 euro a day, when there is the Italian unemployed who have to go to look for leftover food aid provided by the centers. Every single day during lunch or dinner, do not talk about good things, do not ride it joking, just talking about bad things, of sadness and stress, because that’s what the Italian justice has to offer, a nice nothing !!!

Canada has changed a lot, showed us happiness, showed us his life, has made known wonderful people, but unfortunately something within us is already gone with it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *