Il mio viaggio in Scozia: Glencoe, Highlands e Loch Ness

Se andate in Scozia, non potete perdervi di certo un bel giro nelle Highlands scozzesi, dove la natura più selvaggia domina su tutto, e se come me anche voi siete delle appassionate della serie Outlander sapete bene cosa intendo. 🙂

Non avendo preso un auto a noleggio, abbiamo deciso di prenotare un tour organizzato di un giorno, tramite l’hotel dove alloggiavamo che ci ha consigliato il Discover Scotland Tours. Un bel tour guidato, con partenza alle 8 di mattina da Glasgow centro e della durata di 12 ore circa. L’autista in divisa da vero scozzese con tanto di kilt, ci ha fatto anche da guida, grazie all’organizzazione di bus dotati di microfono.

casecollagecollcollagehigghg-collageracollagerannollageriver-collage

Non eravamo in tantissimi perciò è stato anche più rilassante, la prima tappa del nostro viaggio da Glasgow è stata Glencoe, una zona collinare delle Highlands scozzesi, caratterizzata da strette valli e foreste, dove pascolano pecore da lana e mucche, e da cui prende il nome la cittadina Glencoe & Dalness. Immersa in una natura selvaggia e scarsamente abitata (nonostante la presenza di diversi cottage), è stata teatro del massacro di Glencoe e, per la sua importanza nella storia locale e del Regno Unito, è stata utilizzata come location per alcune scene dei film Bravehart, Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 1 e di Skyfall.

14733278_985583871587567_443515163551727616_n1muucollagesassecollage368156574-mucca-highlander-bovino-vitello-mandria-di-bovini-scozia

Dalla valle di Glencoe, siamo arrivati a Loch Lomond, il più grande lago della Gran Bretagna, che si trova nelle Lowlands, nella Scozia meridionale, e più precisamente tra le contee di Stirling, Argyll e Bute, e West Dunbartonshire. Abbiamo attraversato Fort William e Fort Augustus fino ad arrivare a Loch Ness. Volete sapere se ho visto il mostro Nessie? Ahahah no mi dispiace deludervi, ma quello che ho visto è un bellissimo lago d’acqua dolce delle Highlands scozzesi, situato a sud-ovest di Inverness. Un lago dalle acque profonde (la profondità massima è 230 m), che si estende per circa trentasette chilometri ed è il più largo specchio d’acqua di una valle conosciuta come Great Glen, che si estende da Inverness (a nord) fino a Fort William (a sud). Il canale di Caledonia, che collega il mare all’altro capo del Great Glen, sfrutta le acque del lago Ness.

lochness-collage

lake1collage20161013_135852aatlecollagesergcollage

Abbiamo preso il traghetto che ci ha fatto fare il giro del lago da un altra prospettiva, e da li abbiamo potuto osservare i resti del castello di Urquhart, proprietà oggi del Historic Scotland. Non si conosce con esattezza quando il castello fu edificato, ma documenti storici provano che la fortificazione esisteva già prima del XIII secolo. Per evitare che la costruzione entrasse nelle mani dei giacobiti questa fu fatta esplodere nel 1692.

Siamo passati da Inverness, la capitale delle Highlands, che purtroppo però non abbiamo potuto visitare più nello specifico, per poi scendere nel Perthshire, ufficialmente Contea di Perth, una ex contea scozzese, che si estende da Strathmore, ad est, al Passo di Drumochter a nord, Rannoch Moor e Ben Lui ad ovest e Aberfoyle a sud. Fu una contea vera e propria tra il 1890 e il 1930. Perthshire è nota come big county ed offre una gran varietà di paesaggi, dalle ampie valli, ricche per la loro agricoltura, ad est, alle montagne dell’ovest (Highlands meridionali). Qui ci siamo fermati per una sosta in un piccolo paesino, dove abbiamo potuto bere un buon caffè Segafredo. Abbiamo lasciato il Perthshire con direzione Glasgow, il nostro punto di ritorno.

Credits: ph Claudio Tee

 

 

 

2 risposte a “Il mio viaggio in Scozia: Glencoe, Highlands e Loch Ness”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *